mercoledì 1 febbraio 2017

Il ritorno del Marocco


Il 28° summit dell’Unione Africana, che si è appena concluso ad Addis Abeba, ha decretato la reintegrazione del Marocco nell’organizzazione panafricana.
La decisione, adottata per consenso dai 54 capi di stato e di governo del continente africano, segna una tappa storica e pone fine a 33 anni di "politica della sedia vuota" attuata da Rabat.
Il Marocco aveva infatti abbandonato il consesso africano in segno di protesta nel 1984, dopo la decisione dell’allora Organizzazione dell’Unità Africana di riconoscere la Repubblica Araba Saharawi Democratica (RASD), che si contende da oltre 40 anni con il regno alawita la sovranità sul Sahara Occidentale.
Il vertice durante cui si è discusso del dossier Marocco, è stato teatro di grande manovre diplomatiche e di un acceso dibattito. Se la grande maggioranza dei paesi membri si erano pronunciati favorevoli alla reintegrazione del Marocco, restava da vincere la resistenza del fronte anticoloniale guidato dai tre giganti d’Africa: l’Algeria (che ospita all’interno del suo territorio 165000 rifugiati saharawi), la Nigeria e il Sudafrica che riconoscono la RASD e da sole finanziano il 60% del budget dell’organizzazione. Nel corso della seduta plenaria del 30 gennaio questo gruppo di stati si sono pronunciati contrari alla reintegrazione del Marocco in difesa del diritto all’autodeterminazione del popolo saharawi, ponendo come condizione il ritiro del Regno dai territori contesi.
Il ritorno all’ovile panafricano è sempre stata una priorità dell’attuale monarca Mohammed VI che si è recato personalmente in visita ufficiale ad Addis Abeba per seguire l’evoluzione del vertice. Fin dal suo insediamento nel 1999, Mohammed VI, nel tentativo di uscire dall’isolamento dovuto alla condanna internazionale per la questione irrisolta del Sahara, ha riorientato le direttrici della politica estera marocchina, facendo della diversificazione dei partner e dell’apertura ai paesi dell’Africa subsahariana l’asse strategico della sua diplomazia. Dalla sua ascesa al potere, il sovrano ha effettuato 50 visite ufficiali in Africa, che hanno consentito di rafforzare la presenza economica marocchina (il Marocco è il primo investitore africano nella regione occidentale dell’Africa e il secondo a livello continentale) e di scalzare dalla scena diplomatica l’Algeria, rivale diretta per l’egemonia regionale, imponendosi agli occhi sia dei paesi africani che delle potenze occidentali come intermediario delle crisi di cui il continente è sempre prodigo.
Il rientro nella grande famiglia africana costituisce quindi il coronamento di una strategia diplomatica decennale che il sovrano ha condotto in prima persona allo scopo di riabilitare l’immagine del paese e di incassare il sostegno di un numero crescente di stati dell’UA.
La riammissione del Marocco offre prospettive interessanti di dialogo, dal momento che Rabat e la RASD siederanno per la prima volta in una stessa organizzazione. Tuttavia si potrebbe aprire una fase di instabilità e di scontro permanente in seno al’organizazione nel caso Rabat decidesse di servirsi delle alleanze tessute in questi anni per esercitare pressioni sui dirigenti della RASD per spingerli ad accettare la sua proposta autonomista o addirittura per provocarne l’espulsione dall’organizzazione.
Se Rabat vorrà sostenere le sua ambizioni africane dovrà da una parte, essere in grado di avviare un cambiamento al suo interno, ponendo fine alle violazioni dei diritti umani nei territori occupati e, dall’altra, tollerare la presenza dei saharawi, dei loro simboli e dei loro dirigenti. Soltanto una politica costruttiva improntata al dialogo potrà condurre a una soluzione politica di quella che da 42 anni rappresenta una ferita aperta per il sistema internazionale.

Marco Decesari,
Casco Bianco ProgettoMondo Mlal in Marocco

Nessun commento:

Posta un commento